FACTORY STYLE MAG INTERVISTA LA VINTAGE BLOGGER ANGELA CORONELLA

http://www.factorystylemag.it/wp-content/uploads/2014/12/angela-coronella-vintage-blogger-italia.gif

Passione vintage.
Un tuffo nella storia della moda e la nostra Redazione ha deciso di farlo con Angela Coronella, una delle pochissime Vintage Blogger italiane.
Una passione per il vintage che nasce quando Angela è ancora bambina… Amore per capi ed accessori che raccontano storie. Oggi Angela è una donna che vive il vintage come filosofia di vita e la racconta nel suo blog “The Ladybug Chronicles“…

 

Come è nata la tua passione per il vintage?
E’ nata molto presto, quando ero ragazzina: mia nonna aveva una cesta piena di abiti che nessuno usava più e che riutilizzava per pulire a terra o spolverare. Io adoravo frugare in quella cesta e creare nuovi look con quegli abiti usati che nessuno indossava più. Naturalmente poi li mixavo con le borsette bon-ton e i cappelli con le piume della nonna che adoravo e che ancora conservo!
Solo più tardi, quando studiavo all’Università a Bologna, quella vecchia passione è esplosa tra i banchi vintage e dell’usato del mercatino della Montagnola. Da allora non è più andata via, anzi è cresciuta a dismisura!

 

Cosa vuol dire essere una Vintage Blogger?
E’ una triplice missione: diffondere la cultura del vintage e dell’usato anche in Italia con lo stesso spirito con cui viene vissuta ad esempio nel Regno Unito o negli Stati Uniti dove vintage è uno stile di vita e non una moda o una tendenza; dimostrare che tutte noi possiamo essere “vintage” pur non avendo un look vintage dalla testa ai piedi: basta un capo, un accessorio a fare capolino tra i nostri tailleur da ufficio o casual look da weekend per renderci uniche perché sappiamo che quel pezzo lo abbiamo solo noi e ci rende diverse dagli altri; valorizzare chi come me ha un fisico morbido e curvy e come me ha sofferto un modello che ci vuole a tutti i costi longilinee e sottilissime: le pin-up degli anni ’50 incarnano una bellezza senza tempo che va al di là degli stereotipi, la bellezza che viene dalla sensualità dell’accettazione del proprio corpo.

 

The-Ladybug-chronicles-_-angela-coronella

 

Un consiglio di stile per le nostre lettrici. Come abbinare un capo contemporaneo a uno vintage?
Questa è la parte più bella: non bisogna avere paura di osare e di scegliere un capo o un accessorio vintage che in quanto tale porterà l’attenzione su di sé! Via libera ai colori forti degli anni ’80, agli occhiali a gatto, ai cappellini anni 4’0 o alle falde larghe degli anni ’70, alle gonne a ruota degli anni ’50, basta non strafare, abbinando un capo vintage “forte” a dei capi basic. Una camicia bianca è perfetta con la gonna a fiori scampanata, un dolcevita a tinta unita fa subito anni ’70 e si può abbinare con occhialoni e ampi cappelli, il tubino nero ti dà spazio per abbinare scarpe o borse vintage colorate, cappellini retrò e maxi gioielli in bachelite, il pantalone nero si può abbinare favolosamente a camicie vintage a stampe o con fiocco davanti.
Lavorando in un ufficio ho imparato ad acquistare capi basic contemporanei nelle tinte del nero, bianco, blu e cammello e a divertirmi abbinandoli a capi vintage, soprattutto accessori per creare un abbigliamento diverso dal solito in ambienti in cui si tende ad uniformarsi: il risultato è divertente, giocoso e mette di buon umore!

 

Quali sono i capi ed accessori vintage che non mancano mai nel tuo look di tutti i giorni?
Ho una passione smoderata per cappelli ed occhiali vintage, ne possiedo una quantità spropositata e mi sentirei nuda se non li indossassi!

 


Come vedi la moda di oggi?
Nella moda di oggi rivedo la moda di ieri e questo mi riempie di orgoglio: mi diverto ad osservare le sfilate di moda o i reportage sui giornali e ad indovinare da quale epoca e da quali pezzi degli anni passati gli stilisti hanno tratto l’ispirazione per quello che ci propongono oggi. E’ incredibile scoprire che nulla si crea nella moda ma semplicemente si plasma nelle mani di stilisti creativi e di talento che spesso rivisitano un trend passato rendendolo nuovo, vivo e per nulla scontato o già visto.
Per questo motivo adoro ad esempio Miu Miu o Orla Kiely, che hanno fatto dello stile retrò e delle ispirazioni dal passato un marchio di fabbrica riuscendo ad essere sempre accattivanti ed attraenti senza essere mai banali.

 

 

Sara Biondi

 

Foto concesse da Angela Coronella

The-Ladybug--vintage-blogger-italia