“GRANDI BIGIOTTIERI ITALIANI. DE LIGUORO” AL MUSEO DEL BIJOU

http://www.factorystylemag.it/wp-content/uploads/2016/09/bigiotteria-italiana.gif

Grandi Bigiottieri Italiani in mostra a Casalmaggiore…
Dopo la prima mostra dedicata a Ornella Bijoux, la serie di mostre monografiche dedicate ai Grandi Bigiottieri Italiani curate da Bianca Cappello prosegue con la prima grande mostra personale di De Liguoro, storico marchio conosciuto e apprezzato nel mondo per la produzione di bijoux per l’alta moda italiana lungo tutto l’ultimo ventennio del Novecento.
La mostra sarà ospitata presso il
Museo del Bijou di Casalmaggiore in provincia di Cremona, unico museo dedicato al bijoux in Italia, dal 24 settembre al 20 novembre 2016.

Un sorprendente percorso espositivo che metterà in scena circa 300 creazioni. Bijoux, accessori e splendidi corpetti gioiello indossati dal corpo di ballo della Rai in occasione di spettacoli televisivi.
Dopo un accurato lavoro di studio e di ricerca è stato possibile realizzare, grazie al Museo del Bijou di Casalmaggiore, un altro appuntamento di grande qualità per approfondire la storia della bigiotteria italiana e ritrovare l’alto livello creativo e artigianale che ha fatto del Made in Italy un marchio riconosciuto ed apprezzato in tutto il mondo.

Gianni De Liguoro è un creativo inesauribile e, con una formazione da sarto, ambito nel quale la sua famiglia lavora da due generazioni, all’inizio degli anni ’60, assieme alla moglie Angela, decide di intraprendere la produzione di gadget per il mercato in espansione. Nascono così i famosissimi pupazzi in materiale plastico di Calimero, distribuiti nei fustini della Miralanza, a cui seguono una serie di simpatiche spille a forma di topolino prodotte per la Perugina e, nel 1971, delle collane “talismano” per la Ramazzotti e disegnate dal pittore e illustratore Mario Moletti.

Da questo momento la creazione di bijoux di De Liguoro è inarrestabile e ottiene vasta eco nei principali redazionali degli anni ’70 fino a farsi notare, nel 1980, da Clara Centinaro, la pioniera del made in Italy che creò abiti per principesse e first lady di tutto il mondo, la quale lo introduce nel mondo dell’ alta moda e delle sfilate. Da questo momento De Liguoro collaborerà con alcuni tra i marchi più raffinati ed eleganti del Made in Italy tra cui Alberta Ferretti, Fausto Sarli, Rocco Barocco, Renato Balestra, Enzo Russo e Trussardi. Le splendide creazioni di De Liguoro in mostra sono impreziosite con cristalli Swarovski®, un connubio quello con la celebre azienda fondata a Wattens, che dagli anni ’80 prosegue fino ai giorni nostri.
Seguendo la sua creatività estroversa e visionaria, realizza per l’alta moda anche i bijoux da sposa oltre che speciali produzioni per il jet set e di alcuni programmi di intrattenimento in prima serata della Rai.
Alla seconda metà degli anni ’80 risale la collaborazione con il concorso di Miss Italia per cui realizzerà le più strabilianti corone mai indossate dalle reginette.

I materiali nel mondo di De Liguoro rappresentano un esercizio di sperimentazione continua, dove la Bellezza è creata anche usando un nastro di cuoio “rubato” alle antiche macchine da cucire, la canapa grezza, specchi, i cammei neri in french jet boemo oppure una sottilissima lastra di alluminio, il tutto armonizzato e curato nei minimi dettagli fino a ottenere una sorprendente perfezione estetica e formale.

 

 

Redazione

 

museo-del-bijou-in-italia